Consulta Politiche Sociali - Comune di Corinaldo

AREE TEMATICHE | Partecipazione e Consulte | Consulta Politiche Sociali - Comune di Corinaldo

CONSULTA CITTADINA DELLE POLITICHE SOCIALI E FAMILIARI, CULTURA,  ISTRUZIONE E SPORT

 

 

 

Presidente: Lapesa Gianpaolo

Vicepresidente: Maori Morena

Segretario: Polverari Paola

 

 

 

DOCUMENTAZIONE DELLA CONSULTA

 

1. Verbale della Consulta del 13 maggio 2013

2. Progetto UnMeseInsieme

3. Verbale Consulta del 3 Luglio 2013

4. Convocazione Consulta 14 Luglio 2014

5. Convocazione Consulta 13 Ottobre 2014

6. Verbale Consulta del 13 Ottobre 2014

7. Convocazione Consulta del 6 Marzo 2015

8. Relazione Consulta 6 Marzo 2015

 

 

PROGETTI E DOCUMENTAZIONE

Marzo 2014 -  a cura di Paola Polverari

La Consulta cittadina si attiva contro gli abusi da alcool

Tra i punti di interesse trattati fin dall’inizio dalla Consulta cittadina politiche sociali e familiari, cultura, istruzione e sport , da oltre un anno istituita a Corinaldo,  è emerso principalmente il tema legato alla dipendenza da alcool e gioco, sentito come uno dei maggiori problemi che investe le singole famiglie, pervade la cultura giovanile , ostacola l’istruzione e può inquinare anche l’attività sportiva: dunque i settori affidati all’esame e alle proposte della Consulta stessa.

Abusi e dipendenze alcool

Dopo l’esame collettivo e l’ampio dibattito delle prime assemblee, si è passati a proposte concrete, attuate con efficienza dal gruppo dirigente e dai rappresentanti di alcune associazioni iscritte alla Consulta. Si è subito compreso che l’occasione non poteva essere affidata all’improvvisazione epidermica dei pur interessati presenti, ma che occorreva rivolgersi a centri qualificati e ad esperti del settore che fornissero consigli e proposte da attuare in loco, alla luce di esperienze più vaste e già sperimentate. Si è organizzato perciò il giorno 20/02/2014,  in collaborazione con l’Amministrazione comunale, un incontro sull’argomento al  quale hanno partecipato come relatori il dottor Vito Maria Carfì, anestesista – rianimatore - nutrizionista e il Comandante della Polizia stradale di Senigallia Paolo Molinelli. La cruda statistica degli abusi giovanili da alcool e le devastanti conseguenze sul cervello umano operate da alcool e droga, presentati con dati incontrovertibili dal dottor Carfì, hanno lasciato visibilmente scossi gli ascoltatori; l’operato  capillare del corpo della Polizia stradale all’interno delle scuole superiori del territorio, attuato con incontri e discussioni con i giovani e presentazione di filmati, illustrato da Molinelli, insieme con i controlli sempre più pressanti sui conduttori di veicoli, ha in parte rassicurato sull’interesse di tutte le forze sociali a ostacolare il pericoloso fenomeno. Occorre però avvicinare anche i più piccoli, i nostri ragazzi della scuola media, i più esposti e indifesi all’insinuante attacco di spacciatori e venditori interessati.

Nell’ assemblea del 17 marzo 2014, la Consulta ha pertanto presentato un questionario predisposto dalla psicologa Mara Magnani  che  è stato analizzato dai presenti e che verrà a sua volta presentato alla Dirigenza della Scuola Media e ai responsabili delle Associazioni sportive, culturali e di volontariato della città. Saranno naturalmente avvisati anche i genitori mediante la consegna di una lettera di informazione sul progetto -  nel quale essi sono per primi coinvolti -  dopo di che i docenti e i responsabili somministreranno il questionario agli interessati. Per raggiungere anche tutti quei giovani non iscritti alle associazioni e a gruppi di aggregazione, si è pensato di distribuire il questionario nei pressi dell’Oratorio parrocchiale, dove gli adolescenti si incontrano spontaneamente, davanti ai bar e ai ritrovi giovanili. Durante l’estate i dati raccolti verranno elaborati dagli psicologi che li hanno proposti, in modo che agli inizi di autunno si possa discutere sugli esiti dell’indagine ed individuare passi successivi.

Tutta la collettività è chiamata ad interessarsi dell’iniziativa, a stare vicina alle famiglie in difficoltà, a non assumere atteggiamenti di giudizio negativo nei confronti di chi sta sbagliando ma anzi a proporsi come argine positivo e benevolo verso chi scende una china sempre più insidiosa e travolgente.

 

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (2837 valutazioni)